Tattoo Artist Intervista con Piotr Gie

14 febbraio 2015

81 PiotrGr SPECIALARTIST 150x150 Tattoo Artist Intervista con Piotr GieGuarda la gallery tattoo dedicata a Piotr Gie
Piotr Gie, Speciale Tattoo Artist pubblicato su Tattoo.1 Tribal #81

La tua arte a che cosa s’ispira?
Sono ispirato da tutto quello che vedo. La gente che incontro, i posti che visito quotidianamente sono in qualche modo la mia ispirazione. Guardo su internet tutti i giorni cercando fotografie e illustrazioni, e su Instagram seguo gli artisti dei graffiti e i tatuatori di tutto il mondo, anche loro sono una grande ispirazione per me. L’altra mia fonte di ispirazione è la musica, ascolto rap tutti i giorni, per tutto il giorno, e anche quando disegno ascolto il rap per ispirarmi.

Com’è iniziata la tua passione per i tatuaggi?
Amo i tatuaggi sin da quando ero bambino. Il mio fratello maggiore ne aveva un po’ (fatti in casa) e io decisi che, quando sarei diventato grande e avrei iniziato a guadagnare dei soldi, ne avrei fatto uno anch’io. Divenni amico dei ragazzi che mi avevano tatuato ed essi mi offrirono di lavorare alla reception. Ero già presissimo dai tatuaggi. Passai tutto il mio tempo allo studio, scattando foto e facendo video di loro che tatuavano. Dopo circa due anni dietro il bancone, facendo qualche piccolo tatuaggio, mi sono detto: perché non cerchi di guadagnarti da vivere con questa cosa?

Puoi descrivere in breve la tua tecnica e com’è cambiata nel tempo?
Prima di tutto, accendi di colore i tatuaggi! Il mondo è così colorato, e io amo illustrare le mie idee con una variegatissima tavolozza di colori. Comincio a lavorare sempre nello stesso modo, prima eseguo con cura tutte le linee, aggiungo i neri e le ombre, e dopo questa fase arriva per me il divertimento vero e proprio. Colorare mi piace, non copiare o trasferire dalla carta colori già pronti. In testa ho un “qualcosa”, un progetto su come dev’essere il colore del tatuaggio, e mescolo fra loro i colori che ho a disposizione per trovare una tonalità ancora più matta e unica. La mia tecnica cambia sempre, o meglio è un’evoluzione naturale: quando già sai lavorare un po’, cosa fai e come lo fai viene modificato per cercare di fare un passo avanti e vai alla ricerca di nuove vie per ottenere quell’effetto che hai immaginato.

Quanto è importante il disegno su carta e quanto è differente sulla pelle?
Il progetto è molto importante per me, preparo i disegni il giorno prima. Alcuni clienti vogliono vedere il progetto in anticipo ma in testa ho sempre centinaia di idee, ed è difficile scegliere quella giusta. L’idea migliore arriva sempre il giorno prima della seduta, sento proprio che è l’idea migliore per quel cliente e sono sicuro che saremo entrambi contenti. Lavorare con matita su cartoncino e probabilmente è il metodo migliore per me; quando ho finito lo sketch, uso una carta da lucido e pennarelli da disegno per rifinire il progetto. C’è una differenza basilare fra il colore della carta o cartoncino e il colore della pelle così non coloro il disegno su carta perché cerco di scegliere i colori giusti quando vedo la pelle e, come ho detto prima, mi piace mescolare i colori che ho a disposizione per creare un effetto unico.

Ci sono artisti che consideri tuoi maestri o pietre miliari nella tua carriera?
Non ho avuto insegnanti veri e propri. Ho imparato tanto dai miei colleghi dello studio, Rafal Jedrychowski, Bart Janus e Jarek Gorajek. Ho trascorso gran parte del tempo con loro e questi sono artisti del tatuaggio realistico che creano uno stile completamente diverso, per me e per il mio lavoro penso sia un effetto fresco, nuovo. Con calma analizzo ciò che vedo e ne traggo delle conclusioni. Il nostro studio ospita parecchi artisti guest, perciò per qualche giorno ho l’opportunità di poterli osservare, di lavorarci insieme e di imparare qualcosa di nuovo.

Da quanto tempo fai questo lavoro?
Lavoro in studio già da 6 anni. Come dicevo prima, dopo due anni dietro il bancone facendo qualche piccolo tatuaggio, mi sono detto: perché non cerchi di guadagnarti da vivere con questa cosa? Quindi ho cominciato a imparare sul serio, ma sento anche come di aver perso i miei primi due anni, perché quando sono venuto in Scozia, un paio di anni fa circa, ho ripreso a imparare tutto da capo. Adesso so veramente come si tatua.

La persona che ti chiede un tatuaggio quanto influenza la tua creazione?
Cerco di ottenere tutte le informazioni possibili sull’idea che ha in mente, dove lo vorrebbe sul corpo, eccetera. Se ho tutte le informazioni che mi servono, voglio solo la loro fiducia e la libertà per preparare il disegno. La maggior parte dei clienti che vengono da me adesso conoscono i miei lavori e sanno che cosa aspettarsi, sanno qual è il mio stile proprio.

Nel tatuaggio qual è la parte più divertente? e la più noiosa?
A dire il vero mi piace tutto il procedimento, soprattutto i momenti un po’ prima della conclusione quando posso vedere che l’effetto finale è proprio come volevo e allora inizio a sorridere icon smile Tattoo Artist Intervista con Piotr Gie Poi so che anche il cliente sarà felice e che fra noi si è creata una certa connessione icon smile Tattoo Artist Intervista con Piotr Gie ed è bellissimo. Qualche volta non mi piace la parte iniziale di preparazione, non perché sia pigro ma perché coi tatuaggi sono sempre molto eccitato.

Quando il tatuatore diventa un Artista?
Se crei qualcosa da zero, esprimi te stesso. Perciò, davvero, ogni cosa creata dalla mano umana, e non in fabbrica, non a macchina, è qualcosa di artistico. Ciascuno di noi è un artista in sé, perché ogni giorno crea la realtà che lo circonda. Insomma, se t’impegni in ogni progetto separatamente, se lo crei da te, per me sei un artista.

Qual è la tua filosofia?
Penso sia la domanda più tosta. La cosa più importante è scoprire che viviamo in questo mondo e che non dobbiamo perdere tempo, perché si vive una volta sola. Realizzare dei sogni, ecco qual è. E i miei sogni li ho realizzati, faccio tatuaggi, viaggio e amo mia moglie. La filosofia della felicità è tutta qua.

PIOTR GIE

Rock’n’Roll Tattoo Studios

Dundee (UK)

Facebook.com/piotrgie.tattooer