Disegni Tattoo – Serpenti

Il serpente è considerato divino presso molte culture e la sua simbologia è ricchissima di significati, anche contrastanti. Simbolo di forza e di energia pura, è messo in relazione con la vita, l’acqua, l’energia femminile, ma anche con la morte e le forze primordiali della distruzione.




È un simbolo della conoscenza, perciò può anche essere pericoloso, ma grazie alla sua capacità di cambiare pelle rappresenta la trasformazione e il benessere fisico e spirituale.
Un simbolo molto antico è l’Uroboro: rappresentato come un serpente che si morde la coda, indica la natura ciclica delle cose.

In India, nell’ambito del tantrismo e di altre tradizioni spirituali, la kundalini è rappresentata come un serpente addormentato, arrotolato alla base della colonna vertebrale; nel suo percorso di risveglio la kundalini risveglia anche i chakra. In analogia, nell’antico Egitto il cobra che compare sulla fronte del faraone e delle divinità è il simbolo della regalità e dell’illuminazione. Per i Maya e per molte civiltà antiche il serpente è il simbolo della creazione.

Nelle società matriarcali di paesi come Africa, India, Brasile, Cina e Nuova Guinea il serpente è il signore delle donne e della fecondità.

In Grecia e in Egitto è temuto in quanto ha il potere di ricondurre il cosmo nel caos iniziale ma è anche venerato poiché rappresenta l’altra faccia dello spirito: l’ispiratore della vita. Infatti Atena, dea greca di ogni scienza, dietro lo scudo nasconde il serpente a lei sacro ed è cinta in vita da una coppia di serpenti. La dea madre Iside porta sulla fronte il cobra reale, simbolo di conoscenza, sovranità ed eterna giovinezza.