Tattoo artist intervista con Julia Rehme

16 luglio 2014

Guarda la gallery tattoo dedicata a Julia Rehme
Speciale Tattoo Artist pubblicato su Tattoo.1 Tribal #80

La tua arte a che cosa s’ispira?
La principale fonte d’ispirazione è la natura. Ogni sorta di animali, piante, fiori o anche microrganismi possono guidarmi nella creazione di un nuovo disegno. Anche nella vita quotidiana, però, tendo a scoprire strutture o forme in cose che a un primo sguardo possono sembrare banali.

 

Com’è iniziata la tua passione per il tatuaggio?
Ho preso il mio primo tatuaggio dopo un’esperienza importante della vita, quasi in parallelo ho cominciato a imparare per me stessa.

 

Ci descrivi in breve la tua tecnica e com’è cambiata nel tempo?
Ottengo l’effetto acquerello con ombreggiature morbide del colore su forme definite e indefinite. Il mio lavoro è caratterizzato da forme forti di nero o linee abbozzate miscelate con elementi acquerellati, fluttuanti e morbidi.
In questo momento il mio stile sta diventando più astratto.

 

Quanto è importante il disegno su carta e quanto è differente sulla pelle?
Il disegno serve come base di lavoro. Può cambiare un po’ in base al corpo della persona, alla pelle e alla personalità. Sui progetti più grandi tendo a disegnare di più a mano libera.

 

Ci sono artisti che consideri tuoi maestri o pietre miliari nella tua carriera?
Ho imparato da parecchie persone. Tuttavia, le cose più importanti arrivano dall’esperienza.

 

Da quanto tempo fai questo lavoro?
Dal 2010.

 

La persona che ti chiede un tatuaggio quanto influenza la tua creazione?
Mi piace quando una persona arriva con una proposta per il tatuaggio e posso collegare emotivamente persona e disegno. Inoltre mi piacciono le sfide. Anche i grandi motivi astratti o i meravigliosi animali possono convincermi a intraprendere il progetto.

 

Qual è la parte più divertente nel tatuare? e la più noiosa?
A volte mi diverte soprattutto la parte creativa, altre volte il lavoro manuale.

 

Quando il tatuatore diventa un Artista?
Quando il tatuatore o la tatuatrice è in grado di creare un’emozione distinta o un’atmosfera, quando evoca certi sentimenti e questo si nota in tutto il suo lavoro. Questo non è solo definito dall’artista ma anche dall’osservatore.
Naturalmente la tecnica è la base per creare arte.

 

Qual è la tua filosofia?
Come tatuatrice? Mai smettere d’imparare.

JULIA REHME
Berlin (Germany)
www.juliarehme.com